Mentafredda


il dittatore nudista

4/12/2003

XVI








[Subito dopo, proseguendo nell’ordinamento, abbiamo delle COSE: tre dimensioni, che si applicano immediatamente al sostrato ed anzi ne sono inseparabili. Esse sono diretta manifestazione del sostrato. La caratteristica qui è la PASSIVITA’.
Queste cose, per quel che le riguarda, potrebbero non essere affatto. Non gli fa alcuna differenza.
Queste cose sono buona parte del nostro mondo, del nostro umwelt , anzi lo sono quasi del tutto.
Ma sarebbe troppo semplice così.
Ed infatti non ci si può fermare, sempre bisogna tener conto di quello che viene appresso. Se ci fossero solo queste, di cose, neanche avrebbe avuto senso trattare dei segni e dei disegni. Non ci sarebbe mai stato bisogno di specificare.
Si può prendere questa cosa qui e metterla lì.
Nulla di più facile.
E magari questo cambierà molto del futuro di questa cosa che era qui ed adesso è lì.
Ma è questa parola appunto: futuro, che alle cose non si applica. Proprio a causa della loro passività.
Le cose non hanno futuro e non hanno passato.
Anche una FINE può ben essere nel passato. Un INIZIO nel futuro.
Tanti dei ragionamenti che spesso si fanno, non ci riguardano proprio.]


Questo cercava per esempio Paola.

[Questi ragionamenti - sebbene non ci riguardino proprio - fanno parte del nostro NOME.
E le cose non hanno nome.
Si sono mai presentate, comunicandoci il loro nome? Nessuna cosa parla di sè. Non bisogna mai crederlo.
Chi rinuncia alle cose rinuncia al suo nome, chi rinuncia al suo nome rinuncia alle SUE cose.]


Questo cercava per esempio Paola.

Una pura questione di coscienza.
Prima e dopo non sono per chi non ne abbia. Prima e dopo come causa ed effetto invece, per chi ne abbia. E nulla nel mezzo.
E continuano a percorrere la matrice adoperando punti conseguenti.
Travasano di casella in casella. Lentamente. Lasciano in ogni casella una parte di sé.
E sperano d’essere ovunque.
Come un cane - anche - lasci qualcosa di sé, su tutto il suo territorio. Mi basta avere qualcosa di tuo / un capello / un’unghia / un accessorio / una batteria / e per comporre il pupazzo mi basta della cera.

[Il +1 è l’intenzione - quale vela e timone - il +1 è l’intenzione.

Una volta che all’interno di un più generale sistema di realtà tridimensionali se ne sia isolata una parte, o sottosistema, sempre a tre dimensioni, e questo sia in grado di essere mosso o spostato - o ancora meglio di muoversi e spostarsi - ecco qualcosa a questo punto si può combinare.

Il +1 è la mobilità - tra emananti e ricettori a questo punto c’è molta meno differenza che tra questi ed il resto.
Il +1 è la duttilità e la forza che modella, e se vogliamo PURE allo stesso tempo.]


(Lei è quella che colpisce più in basso, al di là delle differenti misure non esistono ambiguità in proposito. Lei sa meglio di tutti noi che cosa si debba intendere con ‘basso’.
Mi fai ridere. Tu che vorresti spiegarle. Questo o altro, non c’è alcuna differenza: cosa vorresti spiegarle? Lei sa tutto: tutto lei sa.
Nulla esiste che sia fuori del suo controllo, e tutto ciò che sbanda lei lo riprende e lo rimette in fila. La realtà stessa si piega ai suoi desideri - che per l’intensità della sua ragione non sono poi desideri, ma veri e propri ordini. )

Tra l’uno e l’altro.

Nessuno può dire se prima o dopo, nessuno può dire quando. Abbiamo già detto che l’attimo, qui, non ha alcuna importanza. L’azione è pari all’Azione Angelica: il suo unico connotato è il cambiamento di stato che viene a determinarsi - tra possibile ed impossibile - nient’altro.
Solo le azioni umane hanno bisogno di un tempo nel quale esplicarsi; questa è la loro limitazione: si svolgono NEL tempo, IN un certo tempo, e PER un certo tempo. Non così le Azioni Angeliche, che si svolgono e basta, in modo assoluto.
Un cambiamento di stato dunque, una qualunque cosa che un’attimo prima era impossibile ed ora invece è possibile, ed ecco: già stiamo facendo confusione: quale attimo prima? La differenza - e sì che differenza c’è - non è rilevabile.
In modo assoluto significa esattamente questo: se è possibile ORA, allora è SEMPRE stato possibile.

Ad esempio se un angelo annullasse la forza di gravità alla quale è sottoposto tutto il pianeta, ecco che già sarebbe stato SEMPRE così. Solo per noi uomini la storia ha una direzione - nel senso che non si può tornare indietro - solo per noi uomini.

Per le Crature Angeliche invece, il nostro mondo quale è stato fino a questo momento, e quale sarà da questo momento fino alla fine, tutto il nostro mondo è solo un risultato.

Quelle le premesse, questo il risultato.
Cambia le premesse e cambia il risultato.
Au-to-ma-ti-ca-men-te.
Non esiste alcun problema in ciò, una volta abolito il concetto di tempo, che condiziona così fortemente le nostre menti.

Come d’altronde nessuno mai si sia chiesto se 3 e 2 diventino qualcos’altro, prima di fare 5.

E infine andare a capo.
Mettere punto.

No grazie no grazie.
Non dura di più, non dura di più.

Che le cose parlino di sé è une delle credenze più antiche. Uno dei primi fraintendimenti.
Centinaia di migliaia di anni di prole e di parole senza mai accorgersi di nulla. Parole parole parole parole parole parole.

Noi siamo le nostre parole: le realizziamo.
E siamo i nostri errori: anche quelli li realizziamo.
Perché sono nelle parole - alcuni - neanche sappiamo quali.

Alberi che vacillano. Nessuno sa scuoterli come si deve. Nessuno sa farlo. Essi dunque vacillano per proprio conto... Senza alcuna pretesa vacillano e basta, specie verso ora di cena, quando il vento si carica di strani odori e piega le loro cime.

Alberi che vacillano di melanzane e cipolle.

E Mentafredda ne ha provate molte di parti, oramai, ed ha bisogno di schemi sempre più complicati.
Bisogna riconoscere ed annotare tutte le biforcazioni oramai. Non si può improvvisare, o la trama diverrebbe ininterpretabile. Immanipolabile.





posted by Prikedelik 7:56 PM


Powered by Blogger

 

appunti a delinquere

Past
current

  • Sturiellet
  • Sprolo
  • Documents
  • Prikedelik lj
  • CuT'n'PaStE
  • ZakkaBlog
  • LunaBlog
  • FreeFallBlog
  • LeCoseInutili
  • _Crysania_
  • Blotiteacuta
  • Robotgirl
  • UomoNero
  • Idea Generator
  • ErPiastrella